Google+ a meno di un anno dal lancio raggiunge 170milioni di utenti

Pubblicato: 17/04/2012 in social media, statistiche
Tag:, ,

google plus, marketingandoQualche mese fa avevamo letto la notizia che Buzz chiudeva per lasciar spazio a Google+ (link). Ci chiedevamo anche se sarebbe decollato oppure no.

Con grandi incertezze da parte dei lettori de Il Post che avevano letto le critiche forti a questo network.

Attualmente si legge sui quotidiani on-line che Google+ taglia il traguardo di 170 milioni di utenti, e punta a inseguire twitter (FB troppo lontano con i suoi 800 milioni).  Si stima che possa arrivare a 400 milioni di iscritti entro la fine del 2012.

Vediamo quindi cosa è successo nel frattempo (by Sole 24 Ore).

Per l’espansione hanno avuto un ruolo decisivo le scommesse su imprese ai primi passi. Nove anni fa Android era il progetto di un ingegnere informatico, Andy Rubin. Diventa il sistema operativo di Google per cellulari, tablet e altri dispositivi. Ha raggiunto 850mila attivazioni al giorno.

Anche l’acquisizione di YouTube deriva da un’intuizione tempestiva: era un archivio di video utilizzato presto dai blogger per integrare i loro filmati. Ma allarga presto i suoi confini. Dal documento, inoltre, emerge che il fatturato delle inserzioni pubblicitarie ha portato una quota di trenta miliardi di dollari ai siti web che li hanno ospitati.

69 startup nel portafoglio degli investimenti di Google Ventures, un laboratorio di sperimentazione. Ha puntato, ad esempio, su un termostato interattivo e gestibile attraverso Wi-fi, Nest: a inventarlo è stato il padre del lettore musicale ipod, Tony Fadell. Guarda alle consulenze legali gestite su internet con LawPivot. Esplora la genetica personalizzata con 23andme: da un campione di saliva ricostruisce sequenze del genoma. Alla ricerca del prossima startup di successo.

Ma non solo, sempre tenendo d’occhio i suoi competitor Twitter e Fb, Google+ ha aggiunto alcune peculiarità per creare maggior appeal: foto più grandi nelle pagine del profilo ed uno spazio di chat che si ispira a quello di FB. Compare anche una barra laterale simile a quella presente nel prossimo Windows 8 ed ha aggiunto delle applicazioni flessibili (trascinabili drag’n’drop) e un piccolo box dei «trending topic», una sorta di Twitter Trends. Ha ridisegnato la colonna dello stream per dare risalto ai contenuti (nuovi post e immagini).

Ma siamo certi che non finiranno quì.

About these ads
commenti
  1. [...] detiene il primato in USA così come Google+ e [...]

  2. […] vi è chiaro che cosa sia Google+?…e a che cosa serva? Guardate questo video, oltre ad essere divertente è anche […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...