Archivio per la categoria ‘customer satisfaction’

I dipendenti di una società, i suoi clienti e i suoi eventi tutti sono una fonte di feedback preziosi e necessari.

Oggi ci sono molti modi per conoscere meglio il nostro target, e per ottenere informazioni. Analizziamo il sondaggio.marketing

Un sondaggio di feedback permette di ottenere: risposte importanti, che possono gettare le basi per le decisioni e i cambiamenti legati ad un business. Si tratta di uno strumento facile da usare per la raccolta di dati rilevanti che è possibile utilizzare per guidare le decisioni, ottimizzare i flussi di lavoro, migliorare i processi di gestione, apportare le modifiche di business basate sui fatti, e così via.

Utilizzare un sondaggio per massimizzare l’efficacia commerciale è possibile su tre fronti: la gestione interna, le interazioni esterne, e la gestione degli eventi. (altro…)

Quando abbiamo affrontato il crowdsourcing abbiamo parlato di TripAdvisor.

Adesso abbiamo modo grazie ad uno studio condotto da PhoCusWright – su oltre 12.225 intervistati lo scorso dicembre – di comprendere meglio l’importanza dei siti di revisione nel processo decisionale dei viaggiatori di tutto il mondo.

Quindi, perché i viaggiatori consultano TripAdvisor?

  • 77 % è solito o spesso fa riferimento alle recensioni di TripAdvisor prima di scegliere un hotel
  • 50% è solito o spesso fa riferimento alle recensioni di TripAdvisor prima di scegliere un ristorante
  • 44 % è solito o spesso fa riferimento alle recensioni di TripAdvisor prima di selezionare un’attrazione

Questo studio rivela che più della metà degli intervistati ( 53%) non effettua una prenotazione senza aver almeno controllato una recensione. Infatti, l’80 % degli intervistati ha dichiarato di leggere tra sei e dodici recensioni prima di prenotare un alloggio.

Curioso notare che il 75% degli italiani è solito far riferimento a TripAdvisor prima di scegliere un ristorante, rispetto al 45% degli americani, che però hanno molte più piattaforme di consultazione (Yelp, Urbanspoon, Zagat, OpenTable).

La maggior parte dei viaggiatori (80%) preferisce consultare le recensioni recenti, e gli spagnoli cercano di consultare il maggior numero di recensioni possibili prima di prenotare un hotel (il 34% di loro oltre undici o più prima di decidere).
(altro…)

Abbiamo accennato l’ultima volta ai tweet durante il Super Bowl.

Adesso non ci resta che scoprire cosa sia successo durante quell’evento e quali siano state le pubblicità più efficaci.

La relazione si è basata sui dati di 37.440 partecipanti statunitensi che hanno utilizzato dispositivi mobili connessi a Internet per condividere il modo in cui acquistano un prodotto o un servizio di un particolare brand. Le indagini sono state completate da un gruppo di controllo prima della messa in onda del Super Bowl e dopo aver guardato il Super Bowl.

Sapete se il vostro team di vendita ha conseguito gli obiettivi prefissati?

L’infografica proposta da The TAS Group, in collaborazione con Salesforce Work.com, mette in evidenza le prestazioni di vendita che i manager hanno bisogno di sapere.

marketingando

Un dato che fa riflettere è che due terzi di tutte le persone addette alla vendita non raggiunge la quota definita. Secondo la ricerca infatti, il 67 % dei professionisti delle vendite non raggiunge la propria quota individuale. Ma peggio ancora, il 23% delle aziende non sa nemmeno se i loro team di vendita hanno raggiunto le loro quote o meno.

E‘ pazzesco!!!!!

Un altro fatto sorprendente è che uno su due chiude una trattativa a meno del 40%.

Ma nonostante ciò in azienda godono di un beneficio di “capacità” e “qualifica” elevato.

Si parla tanto di andare incontro al cliente e di ascoltare il cliente e da questa infografica risulta che il 40 % dei venditori non sa capire “le pene” dei clienti. Quando si tratta di un problema del cliente, il rappresentante trova più semplice “lasciarsi prendere dal panico e offrire la prima soluzione che gli viene in mente”, procurando così maggiori danni. Solo il 61% degli addetti alle vendite si sentono sicuri di analizzare i problemi dei clienti e risolverli.

Un altro problema potrebbe derivare dal fatto che quasi la metà dei team di vendita non ha un action plan, una pipeline da seguire. Le aziende che hanno un processo chiaro, hanno un 33% in più di probabilità di ottenere alte performance.

 

 

Quando partecipate a una fiera o esposizione, sfruttate davvero tutti i canali per fare business?

Tool come Facebook , Twitter e Google+ possono contribuire migliorare “l’esperienza” e a raggiungere alcuni degli obiettivi comuni di quando si partecipa ad una fiera (anche in modo virtuale):

Seguiamo qualche passo:

1. Strategia. Innanzitutto come in ogni campagna di marketing bisogna studiare una strategia per prepararsi all’evento. Verificare di avere una pagina Facebook e un account Twitter aziendali. Iniziare a twittare sulla fiera con largo anticipo, e se possibile inserire il nome del Twitter ufficiale o hashtag dedicato all’evento. (spesso ne viene assegnato uno dagli organizzatori) (altro…)

Eccomi di rientro. Spero abbiate trascorso buone ferie.

botegas mesquitaCondivido un’esperienza che ho vissuto nel mio viaggio. Da sempre consulto i commenti degli altri viaggiatori sui vari network prima di scegliere un locale o un albergo, e sono rimasta colpita dal numero di recensioni presenti su Tripadvisor di un ristorante…ho scoperto il perchè.

Il locale offriva a coloro che avrebbero postato su Facebook, Forsquare, Instagram o Twitter una bibita gratis con la prima tapas semplicemente postando #il nome del locale, o facendo il checkin o mettendo una foto con #e riferimento.

Sappiamo che il marketing 3.0 lavora molto sull’esperienza che si fa vivere al nostro cliente e alla sua soddisfazione. Aggiungiamo che il parere di una persona è di stimolo all’acquisto più di altre cose…e il gioco è fatto. Questo locale aveva più di 650 commenti tutti eccellenti grazie alla buona cucina…e a questo trucchetto.

L’ironia è che loro non ti chiedono di fare una recensione su Tripadvisor…ma semplicemente di condividere #nome locale…e poi l’esperienza vissuta che ti porta a recensire in modo eccelso il locale.

Direi che hanno fatto centro…