Archivio per la categoria ‘e-commerce’

I dipendenti di una società, i suoi clienti e i suoi eventi tutti sono una fonte di feedback preziosi e necessari.

Oggi ci sono molti modi per conoscere meglio il nostro target, e per ottenere informazioni. Analizziamo il sondaggio.marketing

Un sondaggio di feedback permette di ottenere: risposte importanti, che possono gettare le basi per le decisioni e i cambiamenti legati ad un business. Si tratta di uno strumento facile da usare per la raccolta di dati rilevanti che è possibile utilizzare per guidare le decisioni, ottimizzare i flussi di lavoro, migliorare i processi di gestione, apportare le modifiche di business basate sui fatti, e così via.

Utilizzare un sondaggio per massimizzare l’efficacia commerciale è possibile su tre fronti: la gestione interna, le interazioni esterne, e la gestione degli eventi. (altro…)

Abbiamo mai pensato che la mail che mandiamo possa finire nello SPAM?
Intanto per un marketer…non è sicuramente un successo, quindi cosa possiamo fare per poter evitare l’invio di spam?marketing, email marketing, spam

Partiamo dal ricordare che cosa è uno spam.
E’ l’invio di messaggi pubblicitari indesiderati (generalmente commerciali). Può essere attuato attraverso qualunque sistema di comunicazione, ma il più usato è Internet, attraverso messaggi di posta elettronica.
Per definizione lo spam viene inviato senza il permesso del destinatario ed è un comportamento ampiamente considerato inaccettabile dagli Internet Service Provider (ISP) e dalla maggior parte degli utenti di Internet. Mentre questi ultimi trovano lo spam fastidioso e con contenuti spesso offensivi, gli ISP vi si oppongono anche per i costi del traffico generato dall’invio indiscriminato. (altro…)

Quando abbiamo affrontato il crowdsourcing abbiamo parlato di TripAdvisor.

Adesso abbiamo modo grazie ad uno studio condotto da PhoCusWright – su oltre 12.225 intervistati lo scorso dicembre – di comprendere meglio l’importanza dei siti di revisione nel processo decisionale dei viaggiatori di tutto il mondo.

Quindi, perché i viaggiatori consultano TripAdvisor?

  • 77 % è solito o spesso fa riferimento alle recensioni di TripAdvisor prima di scegliere un hotel
  • 50% è solito o spesso fa riferimento alle recensioni di TripAdvisor prima di scegliere un ristorante
  • 44 % è solito o spesso fa riferimento alle recensioni di TripAdvisor prima di selezionare un’attrazione

Questo studio rivela che più della metà degli intervistati ( 53%) non effettua una prenotazione senza aver almeno controllato una recensione. Infatti, l’80 % degli intervistati ha dichiarato di leggere tra sei e dodici recensioni prima di prenotare un alloggio.

Curioso notare che il 75% degli italiani è solito far riferimento a TripAdvisor prima di scegliere un ristorante, rispetto al 45% degli americani, che però hanno molte più piattaforme di consultazione (Yelp, Urbanspoon, Zagat, OpenTable).

La maggior parte dei viaggiatori (80%) preferisce consultare le recensioni recenti, e gli spagnoli cercano di consultare il maggior numero di recensioni possibili prima di prenotare un hotel (il 34% di loro oltre undici o più prima di decidere).
(altro…)

“Creare il messaggio giusto, alle persone giuste, al momento giusto può aumentare fortemente il vostro messaggio.”

Bruce Daisley, amministratore delegato di Twitter UK, ha offerto alcune interessanti statistiche sugli utenti di Twitter del Regno Unito:
- 80 % usa Twitter su un dispositivo mobile
- 70 % usa Twitter in giro (non a casa)
- 25 % acquista qualcosa direttamente a seguito di un tweet
- più del 50 % dice che Twitter dà loro le ultime notizie, più veloce rispetto ad altre fonti.

Questo significa, dice Daisley, “Se un alieno mai atterrasse sulla Terra, oltre la metà della base di utenti di Twitter dice che lo vedrebbe su Twitter prima di sentirne parlare altrove.”Questo rende Twitter una piattaforma per la scoperta di contenuti dal vivo, efficace non solo per la trasmissione di notizie, ma anche per i messaggi legati al brand.”

(altro…)

Quando mi sono imbattuta in questa infografica sono rimasta a guardarla per capire come erano state suddivise le caselle. Ci sono 947 aziende collocate in 43 categorie e suddivise in sei classi tecnologiche di marketing:

marketingando

Poichè è molto piccola, vi suggerisco di guardare l’originale cliccando quì: http://cdn.chiefmartec.com/wp-content/uploads/2014/01/marketing_technology_jan2014.pdf

E’ molto interessante vedere quante aziende sono nate in questo mondo 2.0.

Secondo un recente rapporto di Sociomantic – condotto su 1000 consumatori – la maggior parte degli acquirenti online (59%) inserisce un articolo nel carrello della spesa online solo quando sta progettando di acquistarlo.

marketingando

Tuttavia, il 19% utilizza i carrelli di shopping on-line come Wish List / promemoria, mettendo gli oggetti di loro piacere per averne traccia, e un altro 13% afferma di raccogliere gli articoli nei carrelli in attesa di un’offerta per il trasporto gratuito o un accordo basato sulla somma spesa.

Uno su dieci (11%) dice che abbandona il carrello più spesso di quanto acquista. (altro…)