Posts contrassegnato dai tag ‘social data’

Quando si utilizzano i canali social e si coinvolgono gli utenti vengono generati dei dati – chiamati “social data” – che costituiscono un “capitale” per le organizzazioni che li sanno interpretare.

Purtroppo molti leader aziendali ritengono che mentre il marketing sia diventato abbastanza bravo nell’uso ed interpretazione di questi dati, il resto dei dipartimenti non lo è ancora.

I social data offrono una vasta gamma di approfondimenti sul business, il brand, i prodotti e i servizi. Possono essere utilizzati come input nell’innovazione per la R&S  o per aiutare le entità legali a mitigare il rischio, ma senza un team che sappia sfruttarne il valore, i dati social continueranno a rimanere inutilizzati.

The Harris Poll* ha stilato 5 punti fermi:
1) Leader. C’è bisogno di leader forti che comprendano i dati, abbiano la capacità di collegarli agli obiettivi dell’organizzazione e possano influenzare il processo decisionale interno.
2) IT-know how. Perché i dati social siano efficaci, devono essere integrati con altri sistemi e strumenti. Conoscere come funziona l’IT fornisce la sicurezza di sapere cosa è possibile e che cosa no. Si sa che i dati social e gli strumenti necessari per emergere e analizzare le intuizioni hanno un impatto sulla tecnologia in tutta l’azienda, avere delle conoscenze in merito aiuta la collaborazione tra i dipartimenti.
3) Competenza nei dati. E’ consigliato studiare ed apprendere da altri esperti di dati come accedere rapidamente alle varie piattaforme, al pubblico, agli strumenti di analisi e alla lingua necessaria per sostenere l’integrazione dei dati stessi. Anche la collaborazione con aziende specializzate può essere di grande aiuto.
4) Educazione, evangelizzazione e difesa. Per far diventare il progetto social più strategico, è necessario comunicare in modo chiaro, formare e coltivare una community all’interno dell’organizzazione ed essere appassionati per convertire i dati in entrate.
5) Conoscenza dei social media. Le piattaforme social non sono nulla senza le persone che le usano, ed è fondamentale sapere dove si trova il pubblico di riferimento, il modo per coinvolgerli e le loro preferenze. Avere un’esperienza personale sui social permetterà di comprenderne meglio le dinamiche, offrire le informazioni necessarie ai clienti e indirizzare il pubblico a prendere le decisioni migliori.

Con questi semplici 5 passi si può iniziare gestire meglio i dati che vengono generati dai nostri canali social.

* I risultati si basano su un sondaggio Twitter condotto online da The Harris Poll nel dicembre 2018. Oltre 450 direttori marketing con sede negli Stati Uniti hanno fornito informazioni sull’argomento dei dati social.