Posts contrassegnato dai tag ‘twitter’

Twitter è uno dei tool più seguiti al mondo. E ‘anche uno dei più fraintesi, perché è diverso da molte delle piattaforme social disponibili, in quanto il suo obiettivo è quello di creare una conversazione pubblica e favorire l’esposizione.

imgres.png

Seguiamo 9 passi per avere un profilo efficace.

 

1. Creare un nome utente che identifichi il business

Qualunque cosa scegliate, assicuratevi che il @nome Twitter si riferisca alla vostra attività, dato che aiuterà gli altri ricordare chi siete.

2. Costruire un profilo efficace (altro…)

Annunci

E’ sicuramente lo strumento che più fa discutere in questi giorni: Periscope, l’app acquistata da Twitter per realizzare, condividere video in live streaming direttamente dallo smartphone.

Periscope Video Streaming su Twitter

Come funziona

Dopo averla installata, dovete associarla al vostro account Twitter e seguire la procedura che vi suggerisce. Periscope può inviare notifiche quando inizia la diretta di qualcuno che seguite, ma potete disattivare questa funzione.

Se possedete un iPhone vi verrà richiesto di dare alcune autorizzazioni per l’accesso alla fotocamera, l’utilizzo del microfono e del GPS. (altro…)

Il motivo per cui tutti abbiamo più di una immagine social sta nel fatto che per noi è un biglietto da visita e sono spesso la prima occasione per fare impressione sui nuovi clienti. Le immagini su questi profili sono importanti, in quanto sono la prima cosa che la gente nota, e spesso rappresentano il nostro marchio.

Si dovrebbe sempre cercare di avere le immagini con le dimensioni corrette per ogni network. Perché vi siete accorti che ciascuno ha la sua dimensione vero?

Allora per evitare di adattare malamente un’immagine su più social, mi semplifico il lavoro, fornendovi le dimensioni per ciascun social.

Queste sono le dimensioni ottimali per le immagini del profilo su ogni importante social network:

Facebook: 180 x 180 la foto del profilo e 851 x 315 la Cover

MAREKTINGANDO, SOCIAL

 

 

 

 

(altro…)

State utilizzando Twitter ma non riuscite a ottenere i risultati prefissati.

Siete sicuri di aver seguito i consigli giusti?

La prima cosa da verificare è: a che ora postate i vostri tweet?

Dal grafico allegato si può vedere l’andamento delle presenze sul social network. Come potete notare ci sono momenti della giornata in cui c’è maggior pubblico.

In particolare considerando la giornata lavorativa classica durante la pausa pranzo (intorno a mezzogiorno) e quando sono in viaggio verso casa (circa le 18) sono gli orari migliori per promuovere le nostre notizie più interessanti. (altro…)

Vi siete mai chiesti quali siano i temi più trattati sui social?

top-10-klout-120614

Allora andiamo a vedere i dati forniti da un recente studio condotto da Klout. I 10 più popolari argomenti contenuti su Facebook e Twitter sono molto simili, ma gli argomenti differiscono significativamente oltre la top 10.

La relazione si è basata su dati provenienti da oltre 580 milioni di persone in tutto il mondo e l’analisi ha rilevato che musica e televisione sono i temi più popolari, sia su Facebook che Twitter. La creazione e condivisione dei contenuti riguardanti le celebrità, software, vacanze, film e imprese è a ruota su entrambi i social.

marketing

Complessivamente, il 40% delle interazioni e del coinvolgimento su Facebook e Twitter riguardano i primi 10 argomenti, il restante 60% si dedica a discussioni differenti tra cui:

  • Ristoranti: Facebook (76a argomento più popolare), Twitter (112 ° più popolare); varianza: 36 punti.
  • Compiti a casa: Facebook 196, Twitter 98; varianza 98.
  • Cani: Facebook 23, Twitter 95; varianza 72.
  • Gatti: 52 Facebook, Twitter 104; varianza 52.
  • Neonati: Facebook 21, Twitter 66; varianza 45.
  • Parenti: Facebook 22, Twitter 50; varianza 28.
  • Servizio Clienti: 197 Facebook, Twitter 89; varianza 108.

Adesso potete vedere se rientrate in una di queste categorie.

 

Vi siete mai chiesti perchè le persone che usano Twitter mettono alcuni tweet tra i preferiti?

Un gruppo di ricercatori ha effettuato uno studio per decifrare il comportamento di 606 persone iscritte a Twitter e sintetizzarle in 25 risposte alla nostra domanda. Ecco cosa è venuto fuori:

1. Perché è piaciuto un tweet per motivi soggettivi (perché era divertente, per esempio).
2. Per segnarselo per un uso futuro: per esempio per ricordarsi di leggere l’articolo cui rimanda il tweet.
3. Perché il tweet è rilevante per un determinato tema.
4. Perché riflette l’opinione di chi lo ha letto.
5. Perché si è d’accordo con la cosa che dice il tweet, ma non lo si vuole rendere troppo pubblico.
6. Perché il tweet suscita una risposta emotiva soggettiva (per esempio sentirsi speciali).
7. Perché ha contenuti multimediali rilevanti.
8. Perché il tweet piace molto, ma non per un motivo in particolare.
9. Per conservarlo come promemoria o monito.
10. Perché ha un contenuto oggettivamente emozionante.
11. Perché si è menzionati all’interno del tweet.
12. Perché è piaciuto per motivi oggettivi.
13. Per segnalare che il tweet è piaciuto, ma non al punto di meritarsi un retweet.
14. Perché si è un personaggio famoso.
15. Perché il tweet è rilevante per la propria condizione attuale.
16. Perché è il modo di chi lo fa per diventare parte di una conversazione.
17. Per coinvolgere altre persone in una conversazione.
18. Per vincere una promozione commerciale (per esempio la vincita di un coupon).
19. Per uno necessità specifica che si avrà in futuro (per esempio aggiungere un’informazione a un libro di ricette).
20. Perché si è amici o partner di chi ha pubblicato il tweet.
21. Perché si è parenti di chi ha fatto il tweet.
22. Per sbaglio.
23. Per segnalare che il tweet è piaciuto e perché viene considerato più importante l’inserimento nei preferiti rispetto al retweet.
24. Per vincere una gara a chi fa più preferiti.
25. Perché si pensa che facendolo ci si ricordi poi meglio di quel tweet.

Sempre legati ai tweet pare infatti che oggi sia possibile anche fare un commento ad un retweet perchè varia l’impostazione del tweet stesso.

Infatti si risparmiano caratteri e si possono inserire commenti più lunghi, perchè il tweet originale non viene più mostrato tra virgolette ma a parte sotto al messaggio che si sta per pubblicare.

Attualmente ancora in fase di test, ne vedremo gli sviluppi.

 

Passa il tempo e sono curiosa di vedere come si comportano i due social network più usati.

Monthly Active Users on Facebook, Twitter

Facebook è ancora il re dei social – secondo una ricerca condotta da Sprout Social Index – tuttavia è interessante notare come Twitter abbia continuato la sua crescita fino al livello complessivo di oltre il 20%. Solo lo scorso anno, Facebook è cresciuto del 7%, mentre Twitter è cresciuto del 44%.

User Growth in Social Networks vs User Engagement

marketing

La relazione prosegue con il confronto dei vari settori merceologici in termini di brand engagement e reattività, nonché come i consumatori si comportano sui vari canali social. Notate come variano nei tempi di risposta e tariffe.

Se diamo un occhio ai tassi di risposta, (colonna a dx) mediamente in tutti i settori si aggira intorno al 17,6% – è come dire che 4 su 5 messaggi, commenti o domande fatte ai marchi sono rimasti senza risposta. 

Inaccettabile.

sprout

 

(altro…)