Posts contrassegnato dai tag ‘infografica’

In questo periodo dell’anno si decidono le campagne per le festività natalizie. Che tu sia B2B, B2C, e-commerce, è il momento di fare i conti.marketingando

In quali canali di marketing pensi di investire? Che tipo di clienti credi di trovare nelle vacanze del 2012? Punterai su dispositivi mobili, e-mail mobile, o a qualcos’altro?

In questa infografica si evidenziano alcune tecniche che i venditori utilizzano in questo periodo di festa.

Quanto concordate con i risultati?

marketingandoL’infografica che vi propongo vuole evidenziare l’utilizzo dei social media da parte di 250 negozi Internet negli Stati Uniti.

La presenza su Facebook, Twitter e YouTube per un rivenditore online è obbligatoria. E lo si può notare dall’infografica allegata. L’attività sui social media sta finalmente diventando essenziale come un numero di telefono. Oltre il 90% dei TOP 250 rivenditori Internet ha almeno un account di brand su questi network. Il 97% dei TOP 250 rivenditori Internet ha una pagina Facebook.

Pinterest e Google+ stanno rapidamente guadagnando mercato. Anche se Google ha lanciato le pagine di brand solo alla fine dell’anno scorso, il 67% dei rivenditori TOP 250 hanno già una pagina. Pinterest gode anche di un analogo livello di adozione, con il 61% dei marchi che hanno aderito al network.

Facebook è il colosso per il numero di fan. A seguire Twitter. Facebook Page ha 935.758 fan, e l’account su Twitter ne conta 57.097. Un solo account – MLB – è riuscito a raggiungere oltre un milione di seguaci su Twitter, mentre 43 marchi hanno più di milioni di fan su Facebook.

Meno successo per YouTube che sembra funzionare in modo diverso rispetto agli altri network. Pur avendo più di 100 milioni di visite, i rivenditori come TigerDirect e Nike hanno solo decine o centinaia di migliaia di iscritti. Di conseguenza, i rivenditori stanno probabilmente utilizzando altri meccanismi.

I marchi orientati al mondo femminile, come quelli in Abbigliamento e Accessori, hanno un buon risultato su Pinterest, mentre i marchi orientati al mondo maschile, come MLB e Sony, godono del massimo ritorno su Google+. Ciò è in linea con la suddivisione demografica del network – e mostra chiaramente come le imprese debbano essere presenti dove sono i loro clienti.

Allora, chi ha il maggior numero di seguaci? Victoria ‘s Secret è il rivenditore più seguito su Facebook, dati i suoi prodotti accattivanti e altamente visivi. Rivenditori mainstream, come Amazon, in genere stanno bene su tutte le reti – anche se la maggior parte di loro ha solo un piccolo seguito su Pinterest e Google+. Così, mentre è difficile competere con Wal-Mart o Victoria Secret nel numero di fan su Facebook, altri network, come Pinterest e Google +, offrono molte opportunità di distinguersi per qualsiasi attività social innovativa, piccola o grande.

Questa infografica che vi propongo non fa che confermare quanto già sostenuto in altri post: il mobile è assolutamente il futuro e non può essere ignorato.

Astuti pubblicitari, sviluppatori e brand creano esperienze che colleghino, aiutino la conversionewhy-you-need-a-mobile-site, marketingando e coinvolgano il loro pubblico. L’8% del traffico digitale proviene dagli smartphone e dai tablet, e da questi si genera il 35% degli acquisti destinato a crescere in futuro. Ma non solo, leggete le altre ragioni…e ricordatevi che sono statistiche americane.

marketingando

Vi propongo un’infografica di F. Russo relativa ad un sondaggio condotto su 164 Community Manager in Italia.

Vediamo in numeri il profilo del Community Manager:

età media 31 anni: 31 per gli uomini – 30 per le donne;

guadagno medio 18,000 euro: 19,000 per gli uomini – 17,000 euro per le donne e pare che al crescere dell’età, cresca lo stipendio, al Nord più che al Sud;

–  guadagna di più il Community Manager che lavora nel B2B. 

(altro…)

Vi allego un’infografica che spiega come fare con successo una Call to Action.

Intanto definiamo cos’è la Call to Action: letteralmente “invito a compiere un’azione”. Con questa formula si intendono gli elementi che vengono studiati per indurre l’utente a compiere una determinata azione come l’iscrizione ad una newsletter, la compilazione di un modulo informazioni o anche l’acquisto di un prodotto in vendita. Gli elementi “call to action” possono essere di diversa natura, il più conosciuto è la landing page una pagina studiata nei minimi dettagli dove ogni sua parte ha la funzione di convogliare l’attenzione dell’utente e spingerlo a compiere l’azione desiderata.

Quindi ecco cosa fare:

– siate diretti, usate un linguaggio semplice e chiaro

– ripetete più volte la CTA

– sinceratevi che i link funzionino

…e cosa non fare

(altro…)

infografica di pinterest

Continuando sull’onda di Pinterest, allego un’infografica molto completa generata da maxymiser nel febbraio 2012.

Qual è il traffico generato da/per Twitter, Pinterest e Facebook? 

Pare che il traffico di Facebook sia ancora quello più classico. Un re-pin, like continuo e veloce.

Ci sono più donne o più uomini? Aziende di che settore? Che dire invece degli organi di stampa? Brand personali? E ancora, quando viene usato e dove?

Queste alcune delle tante domande espresse nell’infografica completa che trovate sotto. (altro…)

Oggi vi mostro un’infografica legata alla sicurezza on-line.

sicurezza online, marketingando

Da uno studio della Stanford University sulla base di dati anonimi…ci sono dei dati interessanti, ed alcuni preoccupanti…

Comunque valgono sempre le stesse regole di sicurezza:

– cambiare la password spesso

– non scaricare applicazioni da siti sconosciuti

– non aprire mail sospette.

 

Per la password è meglio avere almeno un carattere maiuscolo per evitare che vi rintraccino velocemente.