Posts contrassegnato dai tag ‘groupon’

All’inizio c’era Groupon…poi l’e-commerce delle offerte coupon ha preso piede.

Adesso è diventato necessario costruire un sito per paragonare le offerte dei coupon provenienti da diverse fonti: Groupon, Groupalia, Glamoo, Letsbonus, eBay, Offerum, PrezzoFelice.

Youppit propone quotidianamente sul web le migliori offerte scontate in base almarketingando, youppitle preferenze di ogni utente  (categorie preferite e città preferite). Le offerte vengono inviate attraverso una E-mail con la frequenza stabilita dall’utente ( una volta a settimana, ogni tre giorni, tutti i giorni). Le offerte possono essere consultate anche solamente sul sito web, senza ricevere E-mail.
(altro…)

Groupon, ad oggi conosciuto soprattuto per vendere buoni sconto per una pizza o un trattamento spa, aggiunge gadget e altri beni per offrire un e-commerce di qualità.e-commerce, marketingando, social media, sconti, facebook, twitter
Avrete infatti notato che da qualche giorno stanno pubblicizzando biglietti aerei o elettrodomestici ed elettronica di alto livello, questo è stato possibile grazie a Groupon Goods, e, ovviamente ad un’offerta pubblica di ca 750 milioni dollari.
Il servizio limiterà il numero di articoli disponibili ogni giorno per utente e, almeno all’inizio, verrà gestito direttamente dal rivenditore.
Non siamo certo stupiti di questa evoluzione, dopo tutto abbiamo appena letto (post) che gli acquisti on-line sono i più gettonati in un periodo di crisi e le persone sono molto attente a risparmiare quando possono.

Web Analytics

Mi è piaciuto molto il titolo di questa indagine promossa da Citibank che ha voluto misurare le aspettative dei consumatori degli Stati Uniti in questo particolare periodo storico.Groupon, facebook, google, sconti, marketing, social media, promozioni, e-commerce, marketingando

I risultati dell’indagine mettono in forte rilievo il grado in cui la fiducia anche dei consumatori più ottimisti sia stata scossa da un’estate tumultuosa …

Nota: Questa indagine è stata condotta durante la recente volatilità del mercato azionario. Indipendentemente da ciò, i risultati sono abbastanza sorprendenti.

  • Il 41% degli intervistati si aspetta che le loro condizioni economiche migliorino nei prossimi 12 mesi.
  • 77% è il tasso indicato di economia solidale o povertà, mentre solo il 23% come buono o eccellente.
  • Il 72% dei consumatori pensa che non sia stato ancora raggiunto il fondo della crisi economica.
  • L’85% degli intervistati ritiene l’opportunità di lavoro nella loro zona come equa o povera: solo il 13% ha dichiarato di essere buona o eccellente.
  • Il 44% degli americani pensa di essere meno sicuro economicamente di quanto non fosse all’inizio della crisi economica del 2008. (altro…)