Come fare business in un mercato pessimistico.

Pubblicato: 04/10/2011 in e-commerce, esperienza
Tag:, , , , , ,
Mi è piaciuto molto il titolo di questa indagine promossa da Citibank che ha voluto misurare le aspettative dei consumatori degli Stati Uniti in questo particolare periodo storico.Groupon, facebook, google, sconti, marketing, social media, promozioni, e-commerce, marketingando

I risultati dell’indagine mettono in forte rilievo il grado in cui la fiducia anche dei consumatori più ottimisti sia stata scossa da un’estate tumultuosa …

Nota: Questa indagine è stata condotta durante la recente volatilità del mercato azionario. Indipendentemente da ciò, i risultati sono abbastanza sorprendenti.

  • Il 41% degli intervistati si aspetta che le loro condizioni economiche migliorino nei prossimi 12 mesi.
  • 77% è il tasso indicato di economia solidale o povertà, mentre solo il 23% come buono o eccellente.
  • Il 72% dei consumatori pensa che non sia stato ancora raggiunto il fondo della crisi economica.
  • L’85% degli intervistati ritiene l’opportunità di lavoro nella loro zona come equa o povera: solo il 13% ha dichiarato di essere buona o eccellente.
  • Il 44% degli americani pensa di essere meno sicuro economicamente di quanto non fosse all’inizio della crisi economica del 2008.

Il sondaggio sulle cause del malessere rileva che:

  • Il 41% è preoccupato per il costo di base della vita, i prezzi del cibo e la benzina in cima alla lista.
  • Il 28% è preoccupato per il costo delle spese sanitarie.
  • Il 21%  è preoccupato per la salute dei loro fondi pensione.

In risposta, i consumatori non solo fanno tagli alla spesa ma cercano di risparmiare di più, spendendo molto meno:

  • 72% fa uso dei coupon promozionali.
  • 62% ha ridotto la spesa dei prodotti di alta qualità, scegliendo le opzioni meno costose.
  • 44% acquista cibo alla rinfusa.
  • 36% approfitta di offerte on-line.

Ora, sapendo come si sentono i consumatori, come si fa a convincerli a spendere in questo periodo? Cosa pensi funzioni meglio?

  • Coupon online e cartacei
  • Coinvolgimento nei social media
  • Occasioni Groupon
  • Pubblicità di prezzi più bassi e affermazioni come “abbiamo battuto il Prezzo di Tutti i concorrenti”
  • Alzando la posta sul servizio
  • Sorprendere i clienti con un prodotto insolito o un servizio che non riesce a trovare altrove
  • Una combinazione di tattiche

Inoltre, non basta coinvolgere i consumatori e convincerli ad usare la loro liquidità ma è necessario farli sentire bene mentre spendono.

Direi che quest’analisi fa riflettere e ci fa capire che non siamo messi tanto diversamente dai nostri amici d’oltre oceano. Chi in questo periodo non usa le stesse precauzioni? I giornali non fanno che ripeterci che è cresciuta la nuova povertà. Fare il lavoro del “marketer” non è facile, e mantenere un’etica offrendo pordotti di qualità si fa challenging.

 

 

Web Analytics

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...