Posts contrassegnato dai tag ‘e-commerce’

Oggi sempre più si parla di e-clienti. Le modifiche ai comportamenti d’acquisto e la tecnologia hanno stravolto il concetto di negozio. Far vivere un’esperienza ai clienti on-line per soddisfare le loro aspettative diventa un impegno sempre più attivo. Ma su quali leve bisogno puntare? Come è cambiato l’e-commerce nel tempo?

All’inizio dell’anno ci si domanda sempre come migliorare le vendite on-line. Ecco quindi alcuni spunti sulle tendenze e-commerce per il 2016.

1. Generare le vendite prevedibili
I marchi più affermati sanno bene che questo è il modo perfetto per aumentare significativamente il lifetime value dei clienti e generare entrate prevedibili. Si parte da un’analisi dei prodotti acquistati regolarmente dai clienti, e si offre loro la possibilità di sottoscrivere una consegna mensile, che dovrebbe arrivare poco prima della fornitura a un cliente “normale”.

Un esempio: Amazon promuove l’opzione “Iscriviti e Salva” per i potenziali clienti che desiderano ricevere i prodotti preferiti periodicamente con quasi il 15% di sconto sul loro ordine totale.

2. Investire nel Content marketing e nello story telling
Questa tecnica richiede tempo, ma produrre blog, immagini e video senza promuovere le loro storie di brand è un vero peccato. Un sacco di progetti non ha mai raggiunto il pubblico giusto, perché non si è capita l’importanza della condivisione, rendendo virale un video, promuovendo dei contenuti e delle storie di ispirazione ai potenziali clienti.

3. Sinergia tra i negozi offline e le vendite online
I clienti che possono toccare, sentire e utilizzare il prodotto prima di poter acquistare sono più promettenti a ordinare i prodotti online e ritirare o restituire in-store. Molti gruppi stanno andando in questa direzione. (altro…)

Ho trovato questa infografica molto interessante. Non avevo mai pensato ad un “Internet delle cose”.

Postscapes in collaborazione con Harbor Research ha creato questa infografica per raccontare una storia più completa sull’Internet delle cose.

Secondo il loro punto di vista, questa storia non è solo di persone che comunicano con le persone o macchine che comunicano con le macchine. Sistemi intelligenti collegati sono un fenomeno tecnologico ed economico di un valore senza precedenti, che comprende potenzialmente miliardi, se non migliaia di miliardi di “nodi” – Internet delle interazioni e dei valori infiniti …

Insomma, mi viene da sintetizzare che entriamo nel dietro le quinte del grande circo di Internet:

– sensori e attuatori

– connettività

– persone e processi.

E non scordiamo che la tecnologia è sempre in continuo sviluppo…guardate come.

(altro…)

Secondo un recente rapporto di Sociomantic – condotto su 1000 consumatori – la maggior parte degli acquirenti online (59%) inserisce un articolo nel carrello della spesa online solo quando sta progettando di acquistarlo.

marketingando

Tuttavia, il 19% utilizza i carrelli di shopping on-line come Wish List / promemoria, mettendo gli oggetti di loro piacere per averne traccia, e un altro 13% afferma di raccogliere gli articoli nei carrelli in attesa di un’offerta per il trasporto gratuito o un accordo basato sulla somma spesa.

Uno su dieci (11%) dice che abbandona il carrello più spesso di quanto acquista. (altro…)

Infine vediamo come si comportano le parole chiave nelle mail mandate nella Vendita al dettaglio e commercio.

marketing crmCome si può vedere dalla tabella creata da Adestra, la parola “Consegna gratuita” (+35,9%  tasso medio apertura, +81,3% tasso di click) ha avuto un buon esito nelle email dedicate alla vendita al dettaglio e all’ e-commerce.
I consumatori sono attirati da parole come “sale/sconti” (+10,7%, +26,7%) e offerte specifiche, come ad esempio “sconto del”, (+6,1%, +17,7%).

Meno fortuna invece per “save” (-4,4%, -27,4%) e inviti all’azione come “buy” (-19,3%, -59,1%) che hanno registrato un effetto negativo.
“Cheap” (-67,2%, -71,6%) e “free” (-23,7%, -34,8%) hanno avuto performance inferiori alla media. Chi lo avrebbe detto?

Anche in questo caso da evitare “sottoscrizioni” e espressioni come “questa settimana”.

A febbraio 2013 ComScore e UPS hanno condotto uno studio sullo Shopper online, analizzando più di 3.000 consumatori statunitensi e le loro abitudini nello shopping online.

likelihood-to-shop-online-retail-comscore-2013

Tutti i clienti intervistati avevano effettuato almeno due acquisti online nell’arco del trimestre.

Dall’analisi si evince che più di 8 persone su 10 (83%) si ritiene soddisfatta dagli acquisti online, mentre, la soddisfazione diminuisce (al di sotto del 50%) quando gli acquirenti trattano argomenti come: flessibilità nelle date di consegna, la possibilità di scegliere una determinata ora del giorno per la consegna degli acquisti, e la flessibilità per i resi.

Pare infatti che ci siano delle aree di miglioramento che bisognerebbe tenere presente. (altro…)

Un recente rapporto di Monetate dimostra il rapporto tra i social media e i siti web di e-commerce, quale sia la fonte di traffico migliore e il motore degli acquisti online, considerando l’aumento degli investimenti dei brand verso i social.marketing

Il report  Ecommerce Quarterly (EQ), che ha analizzato un campione di oltre 500 milioni di esperienze di shopping on-line nel 1° trimestre 2013, ha trovato che i social media hanno rappresentato solo 1,55% di tutto il traffico e-commerce verso i migliori siti, lontano dai dati raccolti dai motori di ricerca (31,43%) e dalle email (2,82%). Inoltre, le piattaforme complessive di social media hanno avuto un tasso di conversione del 0,71%. (altro…)

All’inizio c’era Groupon…poi l’e-commerce delle offerte coupon ha preso piede.

Adesso è diventato necessario costruire un sito per paragonare le offerte dei coupon provenienti da diverse fonti: Groupon, Groupalia, Glamoo, Letsbonus, eBay, Offerum, PrezzoFelice.

Youppit propone quotidianamente sul web le migliori offerte scontate in base almarketingando, youppitle preferenze di ogni utente  (categorie preferite e città preferite). Le offerte vengono inviate attraverso una E-mail con la frequenza stabilita dall’utente ( una volta a settimana, ogni tre giorni, tutti i giorni). Le offerte possono essere consultate anche solamente sul sito web, senza ricevere E-mail.
(altro…)