Posts contrassegnato dai tag ‘e-commerce’

All’inizio c’era Groupon…poi l’e-commerce delle offerte coupon ha preso piede.

Adesso è diventato necessario costruire un sito per paragonare le offerte dei coupon provenienti da diverse fonti: Groupon, Groupalia, Glamoo, Letsbonus, eBay, Offerum, PrezzoFelice.

Youppit propone quotidianamente sul web le migliori offerte scontate in base almarketingando, youppitle preferenze di ogni utente  (categorie preferite e città preferite). Le offerte vengono inviate attraverso una E-mail con la frequenza stabilita dall’utente ( una volta a settimana, ogni tre giorni, tutti i giorni). Le offerte possono essere consultate anche solamente sul sito web, senza ricevere E-mail.
(altro…)

 

Utilizzo di Smartphone è in continua crescita… come potete vedere nell’infografica da Monetate.

In un mercato globale dominato da Android, il traffico mobile verso siti web è più che raddoppiato nel corso dell’ultimo anno.infografica

Ma il monopolio di Android non è così vicino se si osserva più nel dettaglio l’e-commerce.

Infatti nonostante il numero maggiore di android, iPhone genera maggiori guadagni nel traffico e-commerce.

A partire dal secondo trimestre del 2012, iPhone supera Android nella quota di traffico sul sito web: 5,41% contro 3,31%. (Tale vantaggio è probabilmente legato all’introduzione di Apple 4S alla fine del 2011, e l’offerta di AT & T di contratti di servizio gratis per i possessori di 3GSs)

Per quanto riguarda il valore medio dell’ordine (AOV) degli acquisti effettuati su iPhone e Android la differenza è solo di 33 centesimi.

Il valore medio dell’ordine (AOV) degli acquisti effettuati su smartphone sta raggiungendo  quello effettuato da laptop e pc.

iPhone, ad esempio, produce un AOV che è solo il 5% inferiore a quello registrato da computer portatili e desktop di Apple.

La maggior parte delle imprese statunitensi devono ancora attuare strategie di marketing mobile. Perché rimanere in disparte mentre Android e iPhone si giocano la partita più importate e redditizia?

 

 

 

 

Lo shopping online è discreto, facile e veloce. Non c’è da meravigliarsi se gli acquirenti si stanno riempiendo i carrelli virtuali, invece di visitare dei negozi reali.

Lo shopping on-line ci permette di saltare le file, la folla, le spese di viaggio e il problema di parcheggio. Una recente indagine condotta da Lab42 – una società di ricerche di mercato – trovato che il 66% dei consumatori preferisce i rivenditori Web. Quasi la metà dei partecipanti al sondaggio ha completato il 73% dei vari shopping online iniziati.

Nielson ha recentemente riportato che quasi il 50% dei possessori di smartphone statunitensi stanno utilizzando le applicazioni commerciali ogni mese, frequentando eBay, Amazon, Groupon e LivingSocial. Circa 45 milioni di proprietari di smartphone accede ad app di shopping-e-commerce ogni mese.

Voi che fate? Io devo dire che li uso 🙂

marketingando

Che il mobile sia diventato uno strumento di vendita eccezionale lo avevamo visto già in precedenza.marketingando

A livello mondiale, si stima che il mobile commerce raggiunga i 119 miliardi dollari entro il 2015 e l’ammontare previsto degli acquisti al dettaglio effettuati online entro il 2014 è del 54%.

(altro…)

online shopping, esperienzialeOramai dovunque dicono che l’e-commerce è in continua crescita.
Questa infografica nata da un sondaggio della Nielsen dimostra dove, chi, come e cosa viene comprato.
I dati si basano su informazioni di oltre 27.000 utenti di Internet del 2010.Lo studio ha rivelato che le recensioni online stanno giocando un ruolo sempre più importante nelle decisioni di acquisto; 57% degli intervistati consulta le recensioni prima di acquistare, in particolare per le auto, software e elettronica di consumo, e il 40% dei partecipanti ha detto che non avrebbe mai comprato elettronica senza consultare prima le recensioni online.

Web Analytics

Groupon, ad oggi conosciuto soprattuto per vendere buoni sconto per una pizza o un trattamento spa, aggiunge gadget e altri beni per offrire un e-commerce di qualità.e-commerce, marketingando, social media, sconti, facebook, twitter
Avrete infatti notato che da qualche giorno stanno pubblicizzando biglietti aerei o elettrodomestici ed elettronica di alto livello, questo è stato possibile grazie a Groupon Goods, e, ovviamente ad un’offerta pubblica di ca 750 milioni dollari.
Il servizio limiterà il numero di articoli disponibili ogni giorno per utente e, almeno all’inizio, verrà gestito direttamente dal rivenditore.
Non siamo certo stupiti di questa evoluzione, dopo tutto abbiamo appena letto (post) che gli acquisti on-line sono i più gettonati in un periodo di crisi e le persone sono molto attente a risparmiare quando possono.

Web Analytics