Posts contrassegnato dai tag ‘tweet’

Iniziamo ad introdurre che cos’è il Sentimeter. Ascoltare per capire quello che pensano gli utenti. E’ questo lo scopo della sentiment analysis, metodo di analisi applicata ai social network .

Andando al di là del semplice conteggio del numero di follower, di like o del volume di menzioni, Sentimeter si propone di dare un senso a ciò che è diventato la nuova agorà (virtuale). Sentimeter è un blog curato dai ricercatori di Voices From the Blogs, gruppo di ricerca dell’Università degli Studi di Milano. La sentiment analysis infatti, se rielaborata con particolari statistiche di natura economica, permette di interpretare il grado di benessere della nostra società.

Sulla base di questo concetto è stata fatta un’analisi su oltre 40 milioni di messaggi su Twitter raccolti quotidianamente nelle 110 provincie italiane. marketingando

Il risultato: nel 2013 la capitale della felicità in Italia è stata Genova con un 75,5% di tweet felici. Seguita da Cagliari (75,1%), Carbonia (75%), Parma (72,9%), Bari (settima: 71,7%) e Bologna (71,4%), seconda nel 2012 ma che quest’anno scende al nono posto.

A questo punto mi sento presa in causa con @SarMarc, dal momento che spesso twitto da Parma. Un po’ mi stupisce. Non mi sembra in verità una città senza contestazioni. Ma si vede che non usano twitter. 140 caratteri a volte sono proibitivi per esprimere un dissapore.

Tra le grandi città si salva solo Firenze, al 65° posto col 58,2%, 21 posizioni sotto si posiziona Roma (54%), e, decisamente mal posizionate: Torino (91° posto), Milano (93°) e Napoli (96°).

Dovrò usare twitter maggiormente quando sono a Torino :).

(altro…)

In questa presentazione sono riassunti alcuni consigli già esposti in altri post relativi a come twittare con successo.

In aggiunta vengono forniti 8 strumenti per scovare dei contenuti interessanti da twittare.

Voglio invitarvi a leggere quanto scritto su HBR link (http://www.hbritalia.org/?page_id=212) in merito ai social.

Articolo che condivido e che riassume molti dei post che ho scritto.

In particolare sottolineo i seguenti concetti:

– …poche organizzazioni hanno scoperto come utilizzare i social in modo intelligente e produttivo

– il potenziale maggiore dei social media è all’inizio del ciclo di vendita, durante la ricerca di nuovi clienti, la determinazione delle opportunità e le indagini pre-vendita

– al termine del ciclo, i social media si rivelano strumenti insostituibili per mantenere le relazioni

– … il rischio maggiore è stare alla finestra.

Quindi osate e seguite alcune regole, non sbaglierete e troverete presto il vostro giusto equilibrio sociale.

In questa edizione delle Olimpiadi se ne sono viste di tutti i colori. 🙂twitter, esperienziale, marketing, marketingando

A compromettere alcune carriere sportive è stato un tweet fatto con molta leggerezza. Quasi a ricordarci che la reputazione passa anche da quì.

Tutto è iniziato con il caso di Voula Papachristous, campionessa greca di salto triplo indoor, squalificata dal CIO per una battuta contro gli immigrati e per aver espresso sostegno al partito greco di estrema destra Alba Dorata. Papachristou aveva ironizzato sull’arrivo ad Atene di zanzare dall’Africa occidentale, spesso portatrici del virus del Nilo occidentale. Il CIO ha squalificato l’atleta spiegando che le sue dichiarazioni erano «contrarie ai valori e alle idee dello spirito olimpico».

(altro…)

Abbiamo appena parlato della reputazione e di come sia facile commettere errori che il web impazzisce per un post pubblicato da Groupalia Italia, a cui hanno fatto seguito delle scuse poco ben accolte.marketingando

Milano, 29 maggio 2012 – Attraverso le parole del Country Manager per l’Italia, Andrea Gualtieri, Groupalia si scusa profondamente per il tweet pubblicato questa mattina in merito al terremoto.
“Sono davvero costernato per quanto accaduto e chiedo scusa alla popolazione colpita dal sisma per averla offesa. Si è trattato di un gesto irresponsabile dettato principalmente da superficialità e inesperienza.
La catastrofe che ha colpito la popolazione dell’Emilia Romagna non può e non deve ovviamente essere strumentalizzata; è una disgrazia che merita tutto il nostro rispetto.
groupalia, marketingando
Mi scuso ancora e, per esprimere vicinanza e solidarietà alle popolazioni colpite dal terremoto, l’azienda ha deciso di effettuare una donazione alla Croce Rossa Italiana, da destinare alle persone coinvolte nel sisma.
Inoltre, pubblicheremo nei prossimi giorni un deal solidale, per chiunque voglia essere di aiuto e fare una propria donazione”.

(altro…)

twitter, esperienziale, marketing, marketingandoLa brevità è la caratteristica che lo distingue. Comunicare un pensiero completo in 140 caratteri o meno non è facile. Come si fa modificare e condensare senza perdere di significato?

Ecco alcuni consigli per essere efficaci.

1. Lavora su una bozza
Confeziona la “prima bozza”, anche un tweeter veterano raramente raggiunge la perfezione sintetica senza qualche raffinatezza.

2. Utilizza i sinonimi
I sinonimi aiutano a ridurre il numero di caratteri senza alterare il significato.  (altro…)

Stiamo sempre molto attenti a promuovere correttamente il nostro brand, utilizzando varie tecniche, e tra queste una è sicuramente quella della condivisione, dello sharing, soprattutto nel mondo 2.0 che stiamo vivendo.

Quindi oltre ad avere un atteggiamento cordiale e disponibile, è necessario condividere contenuti pertinenti, con astuzia e fantasia senza essere sfacciatamente promozionali.

Condivido quindi i 10 suggerimenti rapidi promossi da Marketing Prof.

  1. Multichannel Distribution
    Utilizza mezzi di comunicazione multicanale e piattaforme di distribuzione, come Posterous e Tumblr, che permettono di assemblare il contenuto e inviarlo via e-mail. Una volta che il contenuto del brand è distribuito, gli utenti e gli appassionati possono facilmente condividerlo con altri.
  2. Social Bling
    Utilizza le icone social-sharing, come ShareThis, AddToAny, e AddThis, per abilitare la condivisione con un solo clic dal tuo sito, blog o altri strumenti on-line e semplificare agli utenti la condivisione immediata dei contenuti. (altro…)