Brand e reputazione online, un equilibrio non sempre facile

Pubblicato: 27/06/2014 in reputazione, social media
Tag:, , ,

Sostengo da sempre che i grandi marchi sono fondati su una forte reputazione.

Ma nell’era digitale in rapida evoluzione, come si fa a preservare l’integrità e mantenere l’etica sempre ai primi posti?

Quando si lavora in un ambiente in cui i contenuti potenzialmente dannosi possono essere pubblicati, visti e condivisi a livello globale in un istante, con un click, cosa possono fare i brand per proteggersi?reputation marketingando

Negli ultimi 12 mesi, studi di agenzie di comunicazione hanno notato che la reputazione online è diventata una questione prioritaria e i contenuti negativi sono diventati la loro preoccupazione numero uno da un punto di vista commerciale.

Si sa, prima o poi capita a tutti di incorrere in qualche errore come è successo a marchi Tezenis e Pepe.

Ecco perché il controllo dei contenuti online e la gestione di ciò che viene detto comporta l’assegnazione di tempo e risorse per costruire una robusta reputazione on-line verso i clienti. Dopo tutto la mala gestione provocherebbe un danno economico ben superiore.

E questo è il problema.

I marchi sono da tempo consapevoli della necessità di impegnarsi nello spazio digitale – lavorando sodo per creare conversazioni e coinvolgimento – ma ora che ci sono e che si espongono alla vista del pubblico, controllando quello che viene detto su di loro si sta rivelando difficile e spesso il dialogo è aperto, ma non è sempre positivo.

E’ necessario quindi impostare una strategia online per acquisire  seguaci, generando vendite o brand awareness.

L’importanza di creare e mantenere una reputazione positiva del marchio, affrontando o rimuovendo contenuti che potrebbero essere dannosi a volte anche da un punto di vista giuridico.

Quindi cosa si può fare?

– Assumere il controllo: Utilizzate le risorse digitali come aiuto per controllare cosa avviene sui motori di ricerca – più contenuti produrrete e più la voce in circolazione sarà la vostra e voi avrete il controllo.

Ascoltare: Impostate avvisi per aiutarvi a monitorare ciò che viene detto sulla vostra marca o azienda.

Verificare l’aspetto Legale e controllare la piccola stampa: Controllate di aver rimosso tutti gli articoli non leciti sui vostri siti web, e assicuratevi che le impostazioni di privacy siano impostate correttamente su ogni strumento utilizzato.

Essere consapevoli di sé: Rivedere il modo di comunicare dei vostri dipendenti / investitori / clienti in ogni stato e livello.

Una nuova concezione di PR: Investire non solo nelle PR in sè per sé, ma in PR che sappiano gestire il vostro brand dandone il giusto rilievo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...