I network a supporto dei dipendenti: Caso Tezenis.

Pubblicato: 20/07/2011 in e-commerce, esperienza, marketing3, reputazione, social media
Tag:, , , , , , , ,

Abbiamo già trattato come usare i social media ed abbiamo anche visto che in caso di ricerca lavoro dobbiamo stare attenti a come li utilizziamo poichè diventiamo personaggi pubblici.

Ma cosa succede se invece sono i dipendenti a usare i network contro le aziende?

Ecco il caso Tezenis, abbigliamento intimo facente parte del Gruppo Calzedonia.

Sara per aver chiesto la retribuzione degli straordinari alla proprietaria del punto vendita Tezenis di Roma, è stata oggetto di violenza sul lavoro, fisica e verbale.

I media si sono scatenati…ed ecco cosa è successo:

  • Intervento delle Iene – come già era stato per Patrizia Pepe (post) – e Paolo Calabresi a dar supporto alla commessa. Visualizza il servizio delle Iene L’inviato Paolo Calabresi cita Facebook e il profilo personale della titolare del negozio, oltre alle foto naziste che pubblica.

A seguire ecco cosa si è generato sul network:

  • Un gruppo di solidarietà per Sara su Facebook di circa 8.900 fan: Visualizza il gruppo FB
  • Il 16 aprile 2011, si è tenuto un sit davanti il negozio Tezenis di Porta di Roma organizzato su Facebook.
  • Flashmob davanti al negozio:

Qual è stata la reazione di Tezenis?

Quella che vedete allegata, la responsabile ha cercato di scusarsi con i clienti attraverso il network e tramite un video.

In questo caso il network ha aiutato a far giustizia.

tezenis, reputazione, social media, iene, marketing, comunicazione

Annunci
commenti
  1. […] non li aveste letti vi allego due case history Patrizia Pepe – Tezenis. Share this:MoreLike this:Mi piaceBe the first to like this […]

  2. […] tantomeno quella richiesta dai social network. Abbiamo già esaminato esempi come Patrizia Pepe, Tezenis e molti altri hanno commesso gli stessi […]

  3. […] Infine, il 90% delle persone intervistate ha dichiarato che avrebbero boicottato una marca per un comportamento irresponsabile. Non ne sono stupita visto cosa è successo con A&F, e in caso di cattiva reputazione a Patrizia Pepe o Tezenis. […]

  4. […] Oggi, il BRM riguarda la gestione attiva dei riferimenti, delle conversazioni e dei commenti sulla vostra attività. In genere, si verificano quelle on-line, ma essere consapevoli di ciò che accade nell’ambiente offline è altrettanto importante. Una denuncia in-store che non viene affrontata correttamente crea inevitabilmente danni attraverso la rete virtuale, pertanto, non dovrebbe essere ignorata. Vedi caso Tezenis… […]

  5. […] sa, prima o poi capita a tutti di incorrere in qualche errore come è successo a marchi Tezenis e […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...